FONDATORI E CARISMA

gemona             convegno
Panoramica di Gemona                      Convento "S. Maria degli Angeli"

La Congregazione religiosa delle Francescane Missionarie del Sacro Cuore (FMSC) nasce con il carisma missionario e, fin dagli inizi, si manifesta nel segno dell'interculturalità... Giovani provenienti da varie parti dell'Europa, attirate dal carisma missionario della nuova famiglia si consacrano al Signore e da Gemona del Friuli, Casa Madre della Congregazione, in breve tempo si spargono nel mondo per portare ai fratelli la luce della fede e dell'amore.

La famiglia religiosa ha origine nel 1861 per ispirazione di una nobile dama francese, la Fondatrice Laura Leroux. Ella offre i suoi doni e talenti al Signore per dare vita a ciò che lo Spirito le aveva messo in cuore: fondare una Congregazione che prestasse aiuto nell'opera missionaria della Chiesa e nell'educazione delle fanciulle povere.

La realizzazione diviene possibile grazie al sostegno del Fondatore, il Servo di Dio Padre Gregorio Fioravanti, dalle Grotte di Castro (VT), Francescano Minore. Entrambi sono scelti da Dio per essere le guide della nuova realtà religiosa.

Secondo gli insegnamenti dei Fondatori e nello spirito di S. Francesco, le FMSC colgono la sintesi della loro vocazione impegnandosi a fare del Vangelo la loro "forma di Vita e di Missione”:

 "Lo spirito della suora francescana è autenticamente espresso nella costante e universale  promozione del bene e della pace...Tutte le volte che va  per il mondo per comunicare la Parola di verità e di speranza la suora deve essere mite e modesta, segno luminoso di conversione evangelica, fraterna verso ogni dolore umano manifestando sempre la compassione del Cuore di Cristo..."(Costituzioni della Congregazione)

 La specifica spiritualità delle FMSC scaturisce proprio dal Cuore trafitto di Gesù Crocifisso, dal quale le suore attingono "profonda benevolenza, amore redentivo e zelo apostolico per l'umanità" (Cost. 4).

Seguendo il mandato del Signore di andare per il mondo, a proclamare la buona notizia, la Congregazione è missionaria per sua natura. Le suore partecipano alla missione della Chiesa, operando concretamente nella promozione umana, religiosa e sociale mediante:

 * La preghiera perché il Regno di Dio si diffonda sulla terra;

* la partecipazione diretta all'attività missionaria della Chiesa e al suo ministero pastorale, ossia all'impegno di annunciare il Vangelo in ogni parte del mondo;

* la missione educativa con scuole di ogni grado, case di accoglienza per bambini abbandonati ed orfani, pensionati giovanili;

* l'assistenza caritativa nei dispensari, la cura degli anziani, la vicinanza amorosa ad ogni uomo che soffre.

 Ora la congregazione è presente in varie nazioni: Italia, Stati Uniti, Cipro, Libano, Bulgaria, Francia, Svizzera, Lussemburgo, Cile, Bolivia, Perù, Equador, Cameroun, Centrafrica, India, Congo, Albania, Lituania, Repubblica Ceca, Filippine, Messico.

 Le suore vivono in fraternità, generalmente nelle periferie delle città, nei paesi o nei villaggi, di preferenza tra gente semplice e povera, senza distinzione di razza o di religione, impegnate in un responsabile e rispettoso dialogo con le varie culture, sforzandosi di rispondere alle attese soprattutto dei poveri e degli emarginati.

 In varie parti, le suore sono coadiuvate da "laici impegnati" che condividono la vocazione missionaria delle FMSC e da volontari generosi che le affiancano in attività educative ed assistenziali, o nella costruzione-manutenzione degli ambienti necessari alla missione:scuole, dispensari ecc.

 Ogni FMSC sa che missione significa servire l’uomo promovendo la “liberazione” totale da tutto ciò che svilisce la sua dignità di uomo e di figlio di Dio… E servire è “dare la vita” (Mt. 20,28) come ha detto Gesù:

 “Io sono venuto perché l’uomo abbia la vita e l’abbia in abbondanza”.

“Lo spirito della Congregazione

trae la sua sorgente

dalla contemplazione del mistero

di Gesù Cristo Crocifisso.

Dal Cuore di Cristo le suore attingono

profonda benevolenza,

amore redentivo

e zelo apostolico per l’umanità”.

(Cost. 4).

La nobile dama francese Laura Leroux, Fondatrice delle fmsc, nasce in Francia nel 1832 da una famiglia agiata e colta. Orfana di padre a 17 anni, è data in sposa al duca Ruggero di Bauffremont. Nel 1859 incontra provvidenzialmente a Venezia, il Ministro Provinciale dei frati minori, P. Gregorio Fioravanti, viterbese di Grotte di Castro. A lui espone la sua intenzione di fondare un istituto di Suore Francescane per le Missioni e nel 1861 può coronare il suo sogno nella solenne apertura del nuovo Istituto avvenuta nel vetusto duomo di Gemona del Friuli. Rimangono memorabili le parole pronunciate in questa occasione dall’Arcivescovo di Udine Mons. Giuseppe Luigi Trevisanato:

“Dal Signore è stato fatto questo ed è mirabile ai nostri occhi!”.

Ma la nascente fraternità ben presto si trova ad affrontare diverse prove: malattie, povertà, sfratto… La ventisettenne fondatrice, non riesce a sostenere la prova e, per motivi di salute, si allontana dal convento di S. Maria degli Angeli.

Muore a Montecarlo il 2 Aprile 1917

Il Fondatore, Servo di Dio Padre Gregorio Fioravanti, dalle Grotte di Castro (VT), Francescano Minore, è lo strumento scelto da Dio per far nascere, sostenere e guidare la famiglia religiosa.

Nasce a Grotte di Castro (Viterbo), sulle rive del lago di Bolsena. il 24. 4. 1822. Nella famiglia profondamente religiosa trovò radice la sua vocazione sacerdotale e religiosa-francescana che coronò tra i Francescani Minori di Orvieto, dove vestì l'umile saio il 13. 2. 1838 e fu ordinato ministro dell'altare il 17. 5. 1845. Dopo gli studi di filosofia e di teologia fu inviato come " lettore " in S. Teologia" a Venezia, nel convento di S. Francesco alla Vigna. Dove in breve gli venne affidato il servizio di Ministro Provinciale della provincia " S. Antonio " (27, 10. 1856).

Fu proprio durante questo mandato, che incontrò la Duchessa francese Laura Leroux de' Bauffremont, che gli confidò il progetto di fondare un Istituto religioso femminile, francescano e missionario. Docile ai disegni della Divina Provvidenza, si pose pienamente disponibile al progetto di Dio e con Lei, nel 1861, diede inizio ufficiale alla Congregazione delle " Francescane Missionarie del Sacro Cuore ", in Gemona del Friuli (Udine).

Dopo la partenza della fondatrice, trovatosi solo, diresse l'opera guidando e sostenendo le numerose giovanissime suore, affrontando con fede e abbandono nella Provvidenza le dure prove.

Trascorse l'intera vita, in generosa ed esemplare dedizione, tutto donando e nulla chiedendo per sé.

Mori nel convento S. Maria degli Angeli, casa madre dell’Istituto, il 23 gennaio 1894, benedicendo con paterno amore le suore presenti e future e lasciando alla nuova congregzione una prezioso patrimonio di santità serafica.

Sul nostro sito utilizziamo solo cookie tecnici e di analisi per il corretto funzionamento e non utilizziamo cookie di profilazione o di terze parti. Grazie alla normativa UE , siamo obbligati a chiedere il vostro consenso. Si prega di accettare i cookies e per il caricamento delle informazioni, proprio come qualsiasi altro sito su Internet . Utilizzando il nostro sito web si accetta la nostra Privacy Policy e Termini di servizio. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Cookie Law.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information